qn-intervista-ghezzi

Un cassetto digitale anti burocrazia

InfoCamere porta i servizi sullo smartphone

 

Intervista di Letizia Magnani a Paolo Ghezzi, Direttore Generale InfoCamere, pubblicata il 22 marzo 2021 su  

Uno dei problemi dell'Italia è la burocrazia. Eppure, l'ultimo anno ha insegnato a tutti quanto l'innovazione e la tecnologia a portata di smartphone possano essere risolutive e importanti per vivere meglio.
Per questo da anni InfoCamere, società delle Camere di Commercio italiane per l'innovazione digitale, che gestisce tra l'altro il Registro delle Imprese, ha messo a punto una WebApp che permette agli imprenditori di avere documenti utili letteralmente a portata di mano.

*Si tratta di una vera e propria rivoluzione», spiega Paolo Ghezzi, Direttore Generale di InfoCamere.
Il futuro, insomma, è adesso. Così come l'app governativa io.italia.it fa dialogare più facilmente cittadini e Pubblica Amministrazione, il cassetto digitale dell'imprenditore Impresa.italia.it consente agli imprenditori italiani di evitare file e di conservare e gestire i documenti digitali della propria impresa direttamente sullo smartphone.
Visure, statuti, trasferimenti di quote societarie, partecipazioni, bilanci, insomma, praticamente tutto.
Su 6 milioni di imprese e 10 milioni di imprenditori, per lo più piccoli e medi, un milione usa quotidianamente questo servizio, segno che c'è ancora tanto da fare per innovare l'Italia.

Ghezzi a che punto è l'Italia dal punto di vista dell'innovazione?

«C'è ancora veramente molto da fare, perché viviamo un gap tecnologico. Eppure, i sistemi di banche dati e di informatizzazione sono già una realtà e la pandemia ha dimostrato a tutti quanto sia più agevole vivere e lavorare da luoghi belli, magari in campagna, rispetto alle grandi città. Quindi va in qualche modo cambiata la cultura anche degli imprenditori, 4 su 10 prima del Covid-19 pensavano che a loro internet non servisse. Credo si siano dovuti ricredere».

In cosa consistono i servizi del cassetto digitale realizzato da InfoCamere?

«Nella possibilità di fare impresa da ovunque ci si trovi, in maniera agile e veloce, senza dover fare file o attendere giorni per avere a disposizione i propri documenti. Tra l'altro una opportunità davvero importante soprattutto per la stragrande maggioranza di imprese piccole e medie.
L'Italia non è fatta solo di grandi realtà industriali, spesso, anzi, le imprese sono individuali o hanno pochi dipendenti. Questo sistema permette di avere tutto a portata di mano, senza costi».

C'è una differenza fra nord e sud?

«Indubbiamente sì. Le regioni del nord vanno sicuramente più veloce, però abbiamo rilevato che sono le imprese del sud Italia, soprattutto in alcune regioni, ad aderire in maniera entusiasta a questa WebApp.
Per molti questo ha significato non doversi più recare in uffici magari molto lontani dal proprio paese. I
nfatti proprio le imprese in Puglia e in Calabria sono fra le prime ad aver aderito al sistema. Insomma, una vera rivoluzione».

 

Leggi l'intervista

Scopri il Cassetto digitale dell’Imprenditore