Innovare

Articoli, interviste e un "lessico digitale"

Raccontiamo la nostra visione dell’innovazione fatta di persone (People),
luoghi di lavoro (Place), piattaforme tecnologiche e servizi (Platform).
People
Place
Platform

Imprese a prova di legalità

La foto scattata attraverso i dati sul rilascio del rating, redatti da InfoCamere.

A distanza di circa sei anni dall'entrata in vigore del rating, aumentano il numero di imprese "a prova di legalità". È quanto emerge dall'elaborazione InfoCamere sulla base dei dati del Registro delle Imprese, raccontanta sull'edizione cartacea odierna di 

Cos'è il rating di legalità

Le aziende confiscate in Italia

valoredeldato
svilupposostenibile

Le reti neurali in InfoCamere

Cosa sono, quando e perchè utilizzarle

 

 

Nell’era della digital transformation, dell’informazione diffusa e dei big data risulta fondamentale saper estrarre informazioni utili dalla miniera di dati grezzi che ogni giorno ognuno di noi produce. Conoscere quello che è accaduto, come e perché, permette di prevedere quello che potrebbe accadere.
La capacità di gestire dati e di estrarre da essi informazioni utili acquista quindi sempre maggiore rilevanza: da una parte per le imprese e i professionisti che, in questo modo, si pongono in una posizione di indiscusso vantaggio in qualsiasi tipo di mercato; dall’altra per le Pubbliche Amministrazioni, al fine di elaborare input preziosi in materia di pianificazione (territorio, mobilità, ecc.) e allineamento dei servizi alla domanda di cittadini e imprese. 
Non solo: l’analisi dei dati che ogni impresa produce quotidianamente consente di migliorare i processi aziendali e di ottimizzarne la gestione.

Ma il valore dei dati non è racchiuso nel dato stesso, bensì è frutto di un articolato processo di creazione di valore che passa attraverso una particolare tecnica di elaborazione e analisi di specifiche tipologie di dati. Alla base di questo processo ci sono i cosiddetti algoritmi: insiemi più o meno complessi di funzioni matematiche che, dato un input, restituiscono un output. L’input è rappresentato dai dati grezzi, di solito organizzati in un database, l’output è il risultato, che può essere di tipologie diverse secondo l’obiettivo prefissato. 

Tra gli algoritmi più utilizzati, le reti neurali artificiali (RNA) risultano quelli più efficaci. Il motivo risiede nella loro flessibilità, nella possibilità di essere applicate in innumerevoli campi e per assolvere a diversi compiti. Il nome deriva dalla loro struttura: l’insieme di funzioni utilizzate e la loro interazione ricorda la struttura delle reti neurali biologiche (per esempio quelle del cervello umano) costituite da miliardi di neuroni interconnessi tra loro in modo da variare la loro configurazione in risposta agli stimoli esterni: similmente i modelli artificiali cercano di catturare questo tratto distintivo della biologia e quindi anche nel caso delle RNA si può parlare di “apprendimento”. 

 

 

 

 

Analogamente a quelle biologiche, anche le RNA sono composte da “neuroni” (detti nodi) suddivisi in diversi strati (chiamati layers) interconnessi tra loro attraverso funzioni matematiche dette funzioni di attivazione, che trasferiscono informazioni da un nodo all’altro e tra i vari layers. Il primo strato di una rete è formato dai dati di input, l’ultimo è rappresentato dall’output e tutti gli altri strati intermedi sono detti hidden layers. Come avviene a livello biologico, una RNA può essere “addestrata” per diversi task: dalla previsione di fenomeni quantitativi al riconoscimento e classificazione di oggetti. 

In InfoCamere sono state sperimentate alcune tipologie di RNA, con ottimi risultati. In particolare sono state implementate reti neurali ricorrenti con l’obiettivo di analizzare le serie storiche relative ai volumi di richiesta di alcuni servizi online e prevederne l’andamento futuro. Questo è importante da un lato per tarare le risorse necessarie affinché il servizio sia sempre online e dall’altro per avere una stima dei ricavi, utile in fase di pianificazione del budget. Un altro tipo di rete neurale artificiale addestrata in IC è stata quella di tipo convoluzionale, ossia reti specifiche per il riconoscimento di immagini relative a documenti di varia natura, con lo scopo di automatizzare alcune attività di controllo altrimenti svolte manualmente e quindi più soggette a errori.

Al fine di potersi avvalere di questa tecnologia in modo sempre più organico e funzionale, InfoCamere sta investendo sulle nuove professionalità create dal mondo digitale; come quella del Data Scientist, figura deputata a ricavare analisi, report e “insight” dai Big Data.

Questo consente di trasformare le informazioni di cui disponiamo in una vera e propria miniera di valore.

 

Domenico Tarantino, direzione “Governo Progetti, innovazione e agenda digitale /Iniziative per l'analisi evoluta del dato”

Scopri i servizi InfoCamere

 

servizidigitali
icfocus

Come cambia l'autotrasporto

Più Spa, meno padroncini e più contratti di rete. L'evoluzione del settore è guidata dall'e-commerce

I dati di InfoCamere tratti dal Registro delle Imprese aprono lo studio "100 numeri per capire l'autotrasporto", presentato oggi a Roma presso il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Dalla fotografia del settore emerge come tra il 2014 e il 2019 siano state chiuse 10mila aziende di trasporto merci su strada; ma allo stesso tempo viene rilevato il rafforzamento della massa critica dei soggetti rimasti sul mercato . Oggi in Italia si contano poco meno di 90mila aziende di autotrasporto (89.770 secondo la rilevazione di InfoCamere), con un fatturato complessivamente in crescita.
La riorganizzazione del settore è stata avviata e accelerata dall'evoluzione logistica dovuta a scenari di rottura profonda, come l'exploit dell'e-commerce per le consegne in città, l'ingresso di un colosso come Amazon Logistics, la digitalizzazione delle filiere, l'esigenza di abbassare l'impronta ambientale e la riorganizzazione delle supply chain in molti settori di respiro internazionale.

Lo studio è stato raccontato sull'edizione cartacea del 14 gennaio 2020 de

 

Consulta l'abstract del volume

valoredeldato

Lessico Digitale

A: Ateco

I codici ATECO sono gli identificativi alfanumerici adottati dall’ISTAT - assegnati  al momento dell’apertura della partita IVA per una nuova attività - che classificano le attività economiche a fini statistici e fiscali.
Nel caso l'apertura della partita IVA venga fatta da un'impresa, il codice ATECO viene recepito dal Registro delle Imprese delle Camere di Commercio, diventando così una chiave di ricerca essenziale anche per farsi individuare correttamente da potenziali partner.

Per InfoCamere, ATECO significa semplificare la creazione di un’attività d’impresa. Sotto quest’ottica è nata la piattaforma ateco.infocamere.it, il servizio che snellisce il rapporto tra imprenditori e Pubbliche Amministrazioni, mettendo a disposizione di tutti, in modo agevole e intuitivo, i codici ATECO, le norme, i requisiti richiesti e gli adempimenti necessari per avviare la propria attività. 

Scopri di più sui codici ATECO

lessicodigitale
ateco

Imprese Nordest e trasporto rifiuti

a cura del Data Science Team di InfoCamere in collaborazione con il Corriere Imprese Nordest

Naviga tra i dati della dashoboard

Articolo pubblicato sull'edizione cartecea del 13-01-2020 del   

In un sistema economico come quello del Nordest, caratterizzato da un’elevata apertura internazionale e da una forte interdipendenza commerciale con le principali economie avanzate, la gestione ambientale e dei rifiuti assume una rilevanza sempre più centrale. Non solo nell’ambito della green economy, ma anche per un rapporto più sostenibile tra sviluppo delle attività economiche e tutela del territorio.

Pur rappresentando una fonte di pressione sull’ambiente, per via del consumo diretto e indiretto di risorse naturali, la raccolta e il trasporto dei rifiuti possono costituire un’opportunità per le imprese del territorio impegnate ad ottimizzarne il ciclo di gestione in un’ottica di efficienza complessiva.

Considerando il trend in aumento della produzione di rifiuti e la capillarità con cui vengono trasferiti a livello territoriale, prevalentemente su gomma, diventa importante analizzare dal punto di vista ambientale la capacità del sistema imprenditoriale del Nordest di provvedere alle attività di movimentazione dei rifiuti nel proprio territorio.

Sulla base dei dati MUD elaborati da Ecocerved, nelle regioni Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia vengono prodotti complessivamente circa 27 milioni di tonnellate di rifiuti (sia speciali sia urbani) pari al 15% del totale nazionale; i rifiuti derivano in netta prevalenza da attività di costruzione e demolizione e dal trattamento di rifiuti e reflui.

 

Il tema quindi è tanto delicato quanto strategico: delicato perché la tenuta di un equilibrio ambientale sostenibile passa in modo significativo per le scelte del sistema imprenditoriale; strategico, perché la gestione di questi fenomeni è di per sé un’opportunità di ulteriore e più sostenibile crescita economica e occupazionale del tessuto produttivo locale.

Ma quante sono le imprese del Nordest coinvolte nella movimentazione territoriale dei rifiuti? Limitandoci alle aziende attive, incrociando i dati del Registro delle imprese - gestiti da InfoCamere - e quelli dell’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali è possibile tracciare un quadro aggiornato delle imprese che operano nel sistema logistico dei rifiuti.

Alla fine del 2019, nei registri camerali del Nordest si contano 19.286 imprese che risultano iscritte all’Albo Nazionale Gestori Ambientali (pari al 10,9% del totale nazionale): in particolare oltre 15mila operatori svolgono attività in conto proprio trasportando, cioè, rifiuti prodotti nell’ambito della loro attività di impresa e quasi 2mila sono operatori professionali. Inoltre si contano oltre mille imprese che raccolgono o trasportano rifiuti di apparecchiature elettriche elettroniche (RAEE).

In assoluto, con un’incidenza di 42 imprese ogni mille attive è il Trentino Alto Adige a registrare la quota relativa più elevata di operatori del trasporto di rifiuti rispetto al totale delle aziende iscritte al Registro Imprese, seguito dal Friuli Venezia Giulia con 34 e dal Veneto con 28.

Analizzando nel dettaglio gli operatori che trasportano rifiuti in conto proprio, i dati mettono in evidenza alcune peculiarità delle imprese che operano nel Nordest. Oltre 11mila operano nel comparto delle costruzioni e demolizioni, circa 2.300 svolgono attività di trasporto-logistica e intermediazione e quasi 1.400 imprese fa riferimento all’industria manifatturiera. In particolare in relazione a quest’ultima, quasi la metà delle imprese fa riferimento a soli tre settori: la metallurgia, il legno-arredo e la fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi.

Questi sono solo alcuni dei numeri che si possono ricavare dai Big Data del Registro Imprese delle Camere di commercio, utilizzando tecniche avanzate di data analytics. Come di consueto, per diffondere la conoscenza di questi fenomeni InfoCamere - in collaborazione con il Corriere Imprese - ha realizzato una dashboard navigabile disponibile all’indirizzo www.infocamere.it/ambientenordest.

valoredeldato
icdata

Sostenibilità e innovazione

La strada per salvaguardare il pianeta

Soddisfare i nostri bisogni senza compromettere quelli delle generazioni future.
Risale al 1987, contenuta nel rapporto “Our Common Future” stilato dall’allora presidentessa della Commissione mondiale su Ambiente e Sviluppo Gro Harlem Brundtland, la definizione di sostenibilità che ispira ancora oggi le linee guida in materia di Sviluppo Sostenibile. All’interno del citato rapporto si esplicitavano le criticità, su scala mondiale, di un modello di produzione e consumo che, in seguito alla rivoluzione industriale, si è andato via via consolidando e ha inciso pesantemente sulle dinamiche dei sistemi naturali in conseguenza al massiccio sfruttamento delle risorse ambientali. 
Oggi, a poco più di 30 anni dalla presentazione di quella relazione, il quadro generale è peggiorato; gli equilibri sociali, economici e ambientali appaiono più labili, la montante povertà di alcune regioni del pianeta riflette gli stili di vita non sostenibili di altre e i moniti riguardo l’allarme climatico si moltiplicano assumendo connotati sempre più catastrofici - giusto per citare uno degli ultimi, secondo il National Center for Climate Restoration di Melbourne entro il 2050 la Terra potrebbe diventare parzialmente inabitabile.

Per far fronte a questa emergenza, il 25 settembre 2015 i paesi dell’ONU, attraverso l’istituzione dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, si sono impegnati per il raggiungimento di 17 obiettivi (SDG’s) che mirano a porre fine alla povertà, lottare contro l'ineguaglianza, promuovere lo sviluppo sociale ed economico, affrontare i cambiamenti climatici e costruire società pacifiche entro l'anno 2030. L’accordo è stato il punto di arrivo di un lungo percorso di trattative diplomatiche che si sono succedute dal 1972 e sembra ratificare a livello istituzionale un sentimento diffuso globalmente: la percezione che sia necessario cambiare paradigma. Una consapevolezza che è diventata parte integrante delle coscienze delle nuove generazioni, come testimoniato dalla creazione spontanea in tutto il mondo di movimenti giovanili di protesta sulle tematiche ambientali. Ma anche un tema rispetto al quale il nostro Paese si rivela particolarmente ricettivo: secondo un sondaggio realizzato a gennaio 2019 dalla Fondazione Unipolis, sono a favore di politiche per lo sviluppo sostenibile più di 4 italiani su 5, con punte del 91,6% fra i giovani tra i 15 e i 24 anni.

Consapevole che su questi temi si giochi una fondamentale partita per garantire il futuro delle prossime generazioni, InfoCamere ha inaugurato nel 2017 un percorso che l’ha portata a fare della sostenibilità un driver strategico e a spingere il proprio concetto di responsabilità d’impresa verso scenari sempre più innovativi e orientati ad armonizzare ambiente, società e governance.
L’azienda intende lo Sviluppo Sostenibile come un valore trasversale a tutte le proprie strutture e costituito da tre pilastri: la responsabilità sociale, economica ed ambientale.
Tali pilastri si declinano in azioni concrete che il Gruppo InfoCamere si impegna a portare avanti sia all’interno dell’azienda che all’esterno, nei confronti dei propri stakeholder. 
Pertanto, il Gruppo promuove il rispetto del lavoro e il benessere dei dipendenti, riconoscendo i principi di pari opportunità ed eguale trattamento e valorizzando le differenze di genere, cultura, religione ed etnia. Incoraggia il rispetto reciproco dei diritti e della libertà della persona e sostiene una politica attiva per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro. 
Adotta un sistema di principi guida, regole e procedure operative per prevenire, al suo interno, condotte e comportamenti contrari alla legge e per essere conforme con i più elevati standard etici, nel rispetto del valore di integrità del business. Si impegna costantemente per garantire qualità e sicurezza delle informazioni; in particolare implementa Sistemi di Gestione aziendali, certificati in continuità secondo gli standard ISO, per governare le complessità collegate al suo business ed assicurare un miglioramento dei propri risultati. Gestisce i rapporti con la catena di fornitura secondo criteri di trasparenza, imparzialità e correttezza e incentiva l’adozione di comportamenti sostenibili con i propri stakeholder.  
Nell’espletamento delle sue attività, InfoCamere mantiene un alto livello di attenzione sulle tematiche ambientali ad esse collegate: monitora i consumi di risorse ed energia, ponendosi obiettivi ambientali quantificati e misurabili; determina e controlla gli impatti ambientali connessi alla propria attività; privilegia il recupero anziché lo smaltimento dei rifiuti; incoraggia sistemi di comunicazione interna per coinvolgere e responsabilizzare il personale sulla salvaguardia ambientale.
Ragionare in questi termini significa saper cogliere l'intreccio tra sostenibilità e innovazione: InfoCamere crede infatti nella condivisione e diffusione dell’innovazione come risposta ai bisogni delle persone e al cambiamento evolutivo; opera per rendere l’innovazione aperta e accessibile a tutti, dinamica e in grado di colmare il divario che ci separa dagli altri Paesi, offrendo più competitività alle imprese italiane. Mediante iniziative ad alto contenuto tecnologico e strumenti evoluti, si impegna a sostenere lo sviluppo di nuovi servizi, ad identificare spunti di miglioramento e a contribuire allo studio e alla promozione di progetti innovativi.
Percorrere la strada dello Sviluppo Sostenibile significa quindi capire come sarà il futuro: per farlo, è necessario mettere continuamente in discussione le pratiche correnti. Mai come oggi innovare nel solco della sostenibilità appare come l'unico modo per ottenere un miglioramento delle performance e una crescita continua.   
L’unico modo per “soddisfare i nostri bisogni senza compromettere quelli delle generazioni future”.


Veronica Padula è a capo della direzione amministrazione e finanza di InfoCamere

icfocus
svilupposostenibile

Osservatorio 2019 reti d'impresa

RetImpresa, InfoCamere e Università Ca' Foscari presentano il primo Rapporto dell’Osservatorio sulle reti d’impresa

L’innovazione è il principale motore di aggregazione delle reti d'impresa. È quanto emerge dall’indagine 2019 dell’Osservatorio Nazionale sulle reti d’Impresa.
Frutto di una convenzione tra InfoCamere, RetImprese Confindustria e Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, l’Osservatorio fa il punto sull’evoluzione del fenomeno delle reti d’impresa a dieci anni dall’istituzione della normativa sui contratti di rete utilizzando estensivamente i dati del Registro delle Imprese, opportunamente elaborati per ricostruire una serie storica coerente e dare il quadro aggiornato delle caratteristiche territoriali, organizzative e strutturali delle imprese e delle reti da esse costituite.

La notizia è stata ripresa dall'odierna edizione cartacea de 

Leggi il comunicato e l'abstract dell'indagine

innovazione
valoredeldato