Startup e Pmi, vive e digitali

Le nuove startup e le Pmi innovative danno segnali incoraggianti, grazie alla loro attitudine al digitale e all’elevato livello di competenze

 

Nonostante l’ultimo anno sia stato difficile e travagliato, i dati più recenti forniti da Anitec-Assinform ed InfoCamere, per quel che riguarda startup e Pmi innovative che operano nel settore Ict, sono decisamente confortanti.

Il Registro delle Imprese gestito da InfoCamere rivela una crescita delle iscrizioni, registrando un trend positivo per quel che riguarda le nuove registrazioni di imprese in ogni settore. In particolare, nel 2020 sono rispettivamente 1.777 e 229 le registrazioni di Startup innovative e nuove Pmi innovative, per un totale di 2.006 nuove aziende contro le 1.701 nel 2019.
Il tasso di crescita complessivo delle nuove registrazioni di start up e Pmi innovative Ict si attesta su un significativo +17,9%.

Come sottolinea il Direttore Generale di InfoCamere Paolo Ghezzi, nell’intervista rilasciata a Inno3, la vocazione digitale di startup e Pmi innovative è uno degli elementi chiave che hanno caratterizzato la continuità della loro crescita, coniugato alla velocità e flessibilità nel rispondere alle nuove esigenze e all’elevato livello di competenze tecniche e informatiche.

Leggi l’intervista a Paolo Ghezzi su 

Scopri il Registro Imprese